Bitcoin

Bitcoin incollato su $10,5k di retest come l’interesse al dettaglio colpisce il record di interesse

  • Bitcoin è scivolato il Mercoledì in una sessione di trading choppy che ha visto anche le azioni degli Stati Uniti verso il basso.
  • La criptovaluta ha oscillato sopra e sotto i 9.500 dollari, mentre per un breve periodo si è fermata a soli 9.227 dollari sul cambio Coinbase.
  • Ciononostante, è in vista un rally verso l’area da 10.000 a 10.500 dollari, grazie ai favorevoli sentimenti a catena e macroeconomici.

Un’instabile sessione di trading a Wall Street mercoledì ha lasciato Bitcoin in un simile trend altalenante.

La valuta di riferimento è scesa dallo 0,72% a 9.457 dollari, portando la sua correzione netta dal suo massimo settimanale all’1,47%. Il movimento in discesa è emerso in parte a causa del sentimento di prendere profitto – i commercianti che vendono il bene ai loro top locali per assicurarsi guadagni a breve termine.

Ciononostante, anche la correzione dei difetti di Immediate Edge è arrivata in sincronia con mosse simili nell’S&P 500. Mercoledì, l’indice di riferimento americano è sceso di 11,25 punti, o 0,4 per cento, a 3113,49. Nel frattempo, anche la media industriale del Dow Jones è scesa dello 0,6%. Il Nasdaq Composite ha guadagnato lo 0,1 per cento.

Le azioni di prezzo frammentarie indicavano incertezze nella mente dei trader. Hanno soppesato le prospettive di mercato su due parametri diversi: La prima è la riapertura economica dopo il blocco e il sostegno senza precedenti di stimoli da parte della Federal Reserve e del Congresso degli Stati Uniti.

Nel frattempo, l’altro parametro indicava i timori di una recrudescenza del numero di infezioni. La scorsa settimana, le stesse preoccupazioni hanno fatto abbassare sia la Bitcoin che l’S&P 500, ma un rimbalzo del 18% dei dati al dettaglio li ha aiutati a riprendersi da quella che avrebbe potuto essere una vendita più brutale.

Anche i dati di vendita al dettaglio di bitcoin sono forti

Mentre le teste di bitcoin si abbassano modestamente nella prima sessione del giovedì, il suo slittamento non riesce a scoraggiare i commercianti al dettaglio dall’entrare nello spazio di criptovaluta.

I dati raccolti dall’analista Glassnode hanno evidenziato un aumento record del numero di portafogli con almeno 0,1 BTC (~$941). Il numero è salito a 3 milioni – un massimo storico per la Bitcoin – indicando che la media dei Joe sta ora coprendo i propri risparmi nella criptovaluta con l’aggravarsi della crisi economica.

Il sistema metrico è emerso dopo che i dati separati hanno mostrato un aumento del numero di Bitcoin inattivi negli ultimi 12 mesi.

Tenere la criptovaluta è percepita come una strategia per proteggersi dall’inflazione. Jesse Powell, che dirige il Kraken, un’importante borsa di crittografia con sede negli Stati Uniti, ha notato che molti hanno fatto ricorso alla Bitcoin come assicurazione contro la crisi economica.

„Abbiamo assistito a un massiccio afflusso di nuovi conti da parte di hedge fund, gestori patrimoniali, investitori al dettaglio e day trader“, ha detto a Bloomberg. „Abbiamo visto persone prendere i loro controlli di stimolo e farli rotolare in Bitcoin“.

L“obiettivo di 10,5 dollari e mezzo

La metrica a catena favorevole conferma la tendenza a breve termine di Bitcoin al rialzo. Questo è ulteriormente convalidato con l’azione emozionante prezzo il Mercoledì, dove il criptovaluta si è schiantato brevemente verso 9.200 dollari. Tuttavia, la bassa domanda di acquisto intragiornaliera rinnovata tra i trader. Ha riportato il prezzo vicino ai 9.500 dollari.

Poiché i futures legati all’S&P 500 lasciano intravedere una correzione al ribasso, potrebbero indurre Bitcoin a seguire il trend ribassista. Il prezzo potrebbe, quindi, testare 9.200 dollari per un potenziale passo indietro al di sopra del livello di 9.500 dollari.

Nel frattempo, la rottura sopra il canale Rising Wedge (gamma arrossata) potrebbe portare l’obiettivo di breakout di Bitcoin verso la cima del modello, che è vicino ai 10.428 dollari. D’altra parte, rompendo al di sotto dei 9.200 dollari, si rischia un esteso movimento al ribasso verso gli 8.600 dollari.